Come lavare e smacchiare il raso

Il raso è un tessuto prezioso e raffinato, ma particolarmente delicato da trattare. Per capire come lavare il raso senza rovinarlo, occorre considerare anche il materiale di cui è fatto: può essere di seta, di cotone o sintetico, ognuno di essi con le sue specifiche peculiarità ed esigenze. Segui i consigli de I Maestri Del Corredo per lavare e smacchiare il raso senza danneggiare il tessuto, a seconda del materiale e dell’elemento di biancheria!

Come lavare il raso di seta

Il raso è un tessuto composto da fibre lucide, che potrebbero scolorirsi e opacizzarsi se non si esegue il trattamento adeguato, per cui è di primaria importanza l’utilizzo di prodotti specifici. Nella maggior parte dei casi, questo tessuto va lavato a mano e in acqua fredda, come nel caso del raso di seta.

Tutto l’occorrente di cui abbiamo bisogno è composto da: acqua, detersivo giallo, bacinella, spazzola, sapone grattugiato, panno bianco e ferro da stiro. Il sapone giallo è un detergente delicato che non contiene additivi chimici, se non il potassio, particolarmente indicato per i tessuti lucidi come il raso.

Nella bacinella andremo a versare l’acqua fredda, il detersivo poc’anzi menzionato o il sapone grattugiato. A questo punto possiamo immergere il capo in raso e lasciarlo in ammollo per almeno dieci minuti, senza strizzarlo.

Per pulire a fondo le fibre del tessuto bisogna frizionare ed emulsionare delicatamente la schiuma con il palmo della mano, dopodiché sciacquarlo in abbondante acqua fredda per eliminare tutti i residui. In presenza di macchie ostinate, andremo ad assorbirle con un panno di cotone e lasciate asciugare al sole almeno un’ora prima di togliere i residui secchi con una spazzola a setole morbide.

Il passaggio successivo consiste nell’asciugatura, che va eseguita stendendo il tessuto al sole, ma non ai raggi diretti, e per evitare che possa scolorirsi, utilizziamo sempre un panno di cotone bianco come base di appoggio sui fili. Stesso discorso vale per la stiratura: non va mai appoggiato il ferro caldo direttamente sul capo, ma utilizzato il panno di cotone come intermezzo.

Come lavare il raso di cotone

Il raso di cotone è più resistente rispetto al tradizionale raso di seta e viene impiegato soprattutto nel settore della biancheria da letto. Quando non presenta particolari ricami, può anche essere lavato in lavatrice optando per un programma delicato. In questo caso, si consiglia un detersivo per capi delicati di buona qualità, un ciclo di lavaggio a bassa temperatura e una bassa velocità di centrifuga.

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Registrare

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password